Tra le memo di questa estate c’è il bel progetto cui ha lavorato Andrea Bettega di Juta Studio. Sua la copertina del libro L’ultimo viaggio di Amundsen di Monica Kristensen (Iperborea Casa Editrice). Si tratta di un racconto-documentario su uno dei misteri irrisolti dell’esplorazione artica, con protagonista l’esploratore norvegese Roald Amundsen.

Andrea Bettega e la passione per Amundsen

Rappresenta un fatto storico a cui mi sono appassionato fin da piccolo, un’eroica spedizione sull’artico che ho scoperto grazie a un bellissimo film d’epoca. Il film in questione era con Sean Connery e Claudia Cardinale musicato da Morricone.

L’illustrazione fa parte di una mia costante ricerca personale sul mondo delle esplorazioni geografiche e il grande amore per i paesaggi nordici.

La scrittrice Monica Kristensen, nata nel 1950 in Svezia ma cresciuta in Norvegia, matematica, fisica e glaciologa, è una delle più note esploratrici polari nordeuropee. Ha guidato numerose spedizioni in Artide e Antartide, sulle tracce di Amundsen, ed è stata la prima donna a ricevere la medaglia d’oro della Royal Geographical Society.

Descrizione breve del libro

«Il 25 maggio 1928 il dirigibile Italia, tornando da una spedizione al Polo Nord, si schianta sulla banchisa a nord delle isole Svalbard. Il generale Umberto Nobile e gli altri otto sopravvissuti, malati, affamati e sull’orlo della follia, resistono quasi cinquanta giorni in un deserto di ghiaccio, chi aspettando i soccorsi, chi tentando una marcia disperata verso la terraferma. Per salvarli, ma anche per difendere interessi politici e territoriali, si mobilitano Italia, Norvegia, Svezia, Finlandia, Francia e Unione Sovietica, dando inizio a una complessa e spettacolare operazione di soccorso seguita da reporter e cineoperatori di tutto il mondo.

Il 18 giugno, a bordo di un idrovolante francese, parte anche il grande eroe polare norvegese Roald Amundsen. Con Nobile, nel 1926, aveva compiuto il primo sorvolo del Polo Nord a bordo del dirigibile Norge. Tra loro era esploso subito uno scontro di personalità e di potere, lasciando poi strascichi di offese reciproche. Eppure Amundsen è impaziente di volare a salvare il rivale, forse anche per il timore di essere stato messo in ombra dalle esplorazioni dei tempi nuovi, ormai in mano agli eroi dell’aria. Ma il Latham 47, che è solo un prototipo mai collaudato, una volta partito scompare per sempre. Amundsen si rendeva conto del rischio che correva? E cos’è successo all’aereo e al suo equipaggio?

Monica Kristensen mette in campo sia le sue competenze scientifiche sia la sua esperienza di narratrice per ricostruire la vicenda con commossa accuratezza, arrivando, ragionamento dopo ragionamento, ad avanzare una sua originale interpretazione. E ci regala il ritratto emozionante di un grande eroe al tramonto.»

Insomma ci sono tutti gli ingredienti per un libro bello dalla copertina al contenuto 😉

Per chi fosse interessato, il libro è acquistabile anche presso Quivirgola

Andrea Bettega, copertina per L'ultimo viaggio di Amundsen. Monica Kristensen, Iperborea Casa Editrice.
Andrea Bettega, copertina per L'ultimo viaggio di Amundsen. Monica Kristensen, Iperborea Casa Editrice.